A tu per tu con … Sandro Siciliano

  1. Mister sei tornato alla Pro da una decina di giorni, che Società hai trovato ?                                                                                                                                          Ho trovato una Società cresciuta e ambiziosa e come sempre molto organizzata con una struttura di ottimo livello sia per quanto riguarda scuola calcio e giovanili che per la prima squadra, una Società che si pone fra le migliori a livello Regionale.
  2. Quale è stata la soddisfazione più grande della tua carriera ?                                                                                                                                                          Certamente la vittoria del primo Campionato proprio con questa maglia, ma soprattutto il raggiungimento di un traguardo per me fondamentale, ovvero il patentino da allenatore professionista, la realizzazione di un sogno.
  3. Hai allenato sia nelle giovanili che in Prima squadra, quali sono le differenze che hai riscontrato ?                                                                                                  Avendo iniziato con la scuola calcio ed essendo successivamente passato alle giovanili per poi approdare in prima squadra, posso dire che principalmente cambiano intensità, approccio, metodi di allenamento, ma una cosa resta invariata, la passione, elemento imprescindibile per chi vuole allenare.
  4. Quali consigli ti senti di dare ad un giovane allenatore ?                                                                                                                                                                              Il consiglio che do è quello di mantenere sempre una grande umiltà e voglia di aggiornarsi costantemente, per farsi trovare pronti ad allenare ragazzi di età diverse, e infine di essere sempre se stessi.
  5. Proviamo a fare un balzo in avanti, dove ti vedi fra tre anni ?                                                                                                                                                                 Mi vedo in serie D con la Pro Eureka, anche perché se non mi mandano via, io da qui non mi muovo più.